Filippo De Pisis

Biografia

Luigi Filippo Tibertelli, in arte Filippo De Pisis nasce a Ferrara nel 1896. Si iscrive alla Facoltà di Lettere all'Università di Bologna ed esordisce come poeta pubblicando i Canti della Croara nel 1916: nello stesso anno incontra De Chirico, Savinio e Carrà, militari a Ferrara, tramite i quali aderisce alle istanze della pittura metafisica. Si dedica assiduamente alla pittura dal 1923. A Roma diviene amico di Armando Spadini e collabora con le riviste Valori Plastici e La Ronda. Nel 1926 si trasferisce a Parigi e vi rimane fino allo scoppio della II guerra mondiale: nei dipinti di questi anni rielabora la lezione impressionista a favore di un personale lirismo narrativo, animato da una vena di malinconica poesia. Dopo un breve soggiorno londinese, torna in Italia e lavora a Milano e Venezia. Nello stesso anno tiene una personale, presentata da Carrà, alla saletta Lidel di Milano. Nel 1943 si stabilisce a Venezia dove la sua pittura viene influenzata dai maestri veneziani del Settecento. nel 1948 ha una sala personale alla biennale di venezia con circa trenta opere.  Nel 1948 si presentano i primi sintomi della malattia che lo porterà negli anni successivi a ripetuti periodi in cliniche. Gli ultimi quadri sono lo specchio della sua sofferenza: materia rarefatta o colori cupi esprimono un profondo mal de vivre. Muore a Milano nel 1956.